Nella società contemporanea si parla molto di famiglia, soprattutto in relazione alla deflagrazione delle strutture “tradizionali” e alla diffusione delle cosiddette “nuove famiglie”. Sul palcoscenico del dibattito socio-politico, protagonisti e antagonisti si scontrano, in nome dei diritti di genitori e figli, sull’identità della famiglia e sul posto che essa occupa in società. Uno scontro che rischia di alienare la consapevolezza che i diritti sono dell’essere che deve venire al mondo, ai genitori appartengono i doveri di garantirgli le migliori condizioni, materiali e psicologiche, per il suo divenire.


Partecipiamo alla vita la cui origine, in parte misteriosa, non si rintraccia nella nascita ma nel concepimento, quando l’incontro tra due corpi diventa comunicazione interpsichica, grazie a cui ciò che è inespresso a parole s’incarna. Un reciproco ma diverso dono di libertà quello tra madre e figlio che può essere tale solo se c’è un terzo, il padre, che lo consenta. La relazione tra bambino e adulto deve essere triangolare, soltanto così il bambino può sapere che la sua venuta al mondo e la sua possibilità di strutturarsi come soggetto dipendono dall’incontro di due desideri. La sofferenza legata alla mancanza e alla separazione diventa, grazie alla presenza e testimonianza di un terzo, il motore del desiderio: la funzione simbolica, mediata dalla parola, crea nuovi incontri.


Cos’è, allora, una “nuova famiglia”? L’apparire di diverse modalità di composizione familiare a cui la società presta attenzione? Ma proprio perché vi presta attenzione, esse appaiono. Ciò che, invece, è muto, esiste da sempre: è l’identità simbolica di una famiglia, l’unica che consente di essere genitori ed essere figli. Sono “concepibili” più possibilità di incontro tra due persone e più possibilità di incarnarsi di un figlio: l’importante, però, è che ad “essere concepite” siano le condizioni simboliche di tutti e tre gli esseri in gioco. E il gioco – come la vita, si sa – è desiderio e rischio.

HOME                    CHI SIAMO                    COSA FACCIAMO                    COSA PUOI FARE                    INSIEME A NOI                    CONTATTI

ESPRESSIONE Onlus

Centro Clinico di Psicoterapia Psicoanalitica e Istituzionale

per l’Accoglienza e il Trattamento del Disagio Psichico

+390817901142

+393738058805

VIA TOLEDO, 406 - 80134 NAPOLI • C.F. 95240500637 • © Copyright 2017. All Rights Reserved

SOCIALizziamo